en   fr   de   ro   es   it
  
     Username:  Password:  

registerforgot password?

Thursday, 24 April 2014
Navega por artistas Navega
LAST  Advertisements
LAST  Last Queries

 


Escuchar Saraswathi Devi Sloka - Saraswathi Namasthubyam


Letras

Per Amore (Andrea Bocelli)

Io conosco la tua strada
Ongni passo che farai
Le tue ansie chiuse e i vuoti
Sassi che allontanerai
Senza mai pensare che
Come roccia io ritorno in te ...
Io conosco i tuoi respiri
Tutto quello che non vuoi.
Lo sai bene che non vivi
Riconoscerlo non puoi.
E sarebbe come se
Questo cielo in fiamme
Ricadesse in me,
Come scena su un attore ...

Per amore,
Hai mai fatto niente
Solo per amore,
Hai sfidato il vento e urlato mai,
Diviso il cuore stesso
Pagato e riscomesso
Dietro questa mania
Che resta solo mia?

Per amore,
Hai mai corso senza fiato
Per amore,
Perso e ricominciato?
E devi dirlo adesso
Quanto di te ci hai messo
Quanto hai creduto tu
In questa bugia.
E sarebbe come se
Questo fiume in piena
Risalisse a me,
Come china al suo pittore.

Per amore,
Hai mai speso tutto quanto, la ragione
Il tuo orgoglio fino al pianto?
Lo sai sta sera resto,
Non ho nessun pretesto,
Soltanto una mania
Che resta forte e mia
Dentro quest'anima che strappi via.
E te le dico adesso,
Sincero con me stesso,
Quanto mi costa non saperti mia.
E sarebbe come se
Tutto questo mare
Annegasse in me.

Pregherò (Adriano Celentano)

Pregherò
per te
che hai la notte nel cuor
e se tu lo vorrai
crederai.
Io lo so perché
tu la fede non hai
ma se tu lo vorrai
crederai.
Non devi odiare il sole
perché tu non puoi vederlo,
ma c'è
ore splende su di noi,
su di noi.
Dal castello del silenzio
egli vede anche te
e già sento
che anche tu lo vedrai.
Egli sa
che lo vedrai
solo con gli occhi miei
ed il mondo
la sua luce riavrà.
Io t'amo, t'amo, t'amo,
o-o-oh!
questo è il primo segno
che dà
la tua fede nel Signor.
nel signor, nel Signor.

Io t'amo, t'amo, t'amo,
o-o-oh!
questo è il primo segno
che dà
la tua fede nel Signor,
nel Signor.
La fede è il più bel dono
che il Signore ci dà
per vedere lui
e allor:
tu vedrai,
tu vedrai,
tu vedrai,
tu vedrai

Moi Lolita (Alizee)

Moi Lolita

Moi je m'appelle Lolita
Lo ou bien Lola
Du pareil au meme
Moi je m'appelle Lolita
Quand je reve aux loups
C'est Lola qui saigne
Quand fourche ma langue, j'ai la
Un fou rire aussi fou
Qu'un phenomene
Je m'appelle Lolita
Lo devie, Lo aux amours diluviennes

Moi je m'appelle Lolita
Collegienne aux bas
Bleus de methylene
Moi je m'appelle Lolita
Colereuse et pas
Mi-coton, mi-laine
Motus et bouche qui n'dis pas
A maman que je
Suis un phenomene
Je m'appelle Lolita
Lo de vie, lo aux amours diluviennes

Refrain

C'es pas ma faute
Et quand je donne ma langue aux chats
Je cois les autres
Tous prets a se jeter sur moi
C'est pas ma faute a moi
Si j'entends tout autour de moi
Hello, helli, t'es A (L.O.L.I.T.A)
Moi Lolita

Rap In Vena (Fabri Fibra)

Ritornello:
Io me ne sbatto il cazzo di un lavoro in città
io spruzzo rap in vena
Io spruzzo rap in vena ooh!
Io me ne sbatto il cazzo di un lavoro in città
io spruzzo rap in vena
Io spruzzo rap in vena ooh!

Per essere un fallito uguale a me tu che fai?
Piscio in classe e poi ti incolpo con la faccia che c’hai
scrivo troia Madonna su questo muro con lo spry
sborro sulla tastiera guardando i ** web-site!
Schizzo frasi e le sborro su queste basi
che escono dalle casse come il sangue Dai vostri nasi
ho un incubo da realizzare un corpo nel mio orto
e ho crampi allo stomaco se pretendi anche un rapporto
mi sveglio e vado al lavoro con l’umore storto
Tanto che il primo stronzo che incontro lo vorrei morto
faccio benzina e già sto scemo guarda male
cazzo vuoi c’hai un lavoro di merda ed io uguale
Arrivo tardi e comunque il mio capo è un pazzo
che spende i soldi a troie vantandosi del suo cazzo
un giorno mi ha detto “Tarducci vieni in ufficio
Ma quando è che ti licenzi da sto cazzo di edificio
votavo berlusconi prima della parcondicio
e c’ho pure conoscenze nello stato pontificio
questa mia segretaria sta in bagno a risciacquarsi i denti
e per questo motivo il mio uccello puzza di dentifricio
E darti lavoro per me è soltanto un sacrificio
per quando te ne andrai faremo i fuochi d’artificio
quando parli coi clienti sembra che stai in galleria
la saggia soluzione sarebbe mandarti via”
Io contrattacco e gli mostro il pacco
dicendo “cazzo mi impegno sempre un sacco
La sera quando stacco ripenso ma quanto ha fatto
questa azienda del cazzo però è la tua Io me ne sbatto”

Rit.

Il capo in un lampo perde il controllo
si lancia apre le mani afferrandomi per il collo
mi spacca la collanina strozzandomi come un pollo
poi mi sbatte contro il muro scalciando finché non crollo
cazzo io non c’ho un lavoro in cui non sbotto in pianti
Rimango lacrimante a terra con questo davanti
che mi strattone i capelli per tre minuti abbondanti
Manco fossi un abbonato a una rivista di trapianti
la segretaria entra dopo aver lavato i denti
È divorziata con due figli e prende gli alimenti
“sono stata assunta guadagnandomi i compensi
E mi scopo il dirigente fino a che non perde i sensi
ho visto che quando lavori gli altri li influenzi
Incoraggiando a respirare odori che non sono incensi
il tuo posto di lavoro quindi non te lo assicuro
Se tu vuoi restare qui devi leccare qualche culo”
Cazzo non ci vedo più di scatto mi alzo in piedi
Mi sento Chuwacca nel ritorno dello Jedi
afferro per i capelli questa donna e faccio effetto
Cadendo a piedi in avanti la sbatto sull’armadietto
e non ne vale la pena
se questo è un lavoro meglio farsi in vena
almeno per un po’ non sentirò il problema
Vorrei vedere il mio capo andare in cancrena.

Ritornello.

Tengo Na Minchia Tanta (Frank Zappa)

Tengo na minchia tanta, tengo na minchia accussi'
Devi usare un pollo, devi usare un pollo
e me la vuoi tastar

Tengo na minchia tanta, tengo na minchia accussi'
Tengo na minchia tanta, tengo na minchia accussi'
Devi usare un pollo
Se me la vuoi misurar
Devi usare un pollo
Se me la vuoi tastar

Tengo na minchia tanta, tengo na minchia accussi'
Tengo na minchia tanta, tengo na minchia accussi'
Guarda che se la mangia(4)
E mentre se la sta a pappa'
Chiedimi che cosa fa
Se la sta a succhia'

Tengo na minchia tanta, tengo na minchia accussi'
Tengo na minchia tanta, tengo na minchia accussi'
Devi usare un pollo
Devi usare ... se la vuoi misurar
Devi usare un pollo
Se me la vuoi tastar

Tengo na minchia tanta, tengo na minchia accussi'
Tengo na minchia tanta, tengo na minchia accussi'

Come on baby
Come on baby, suck my fire!
Oh yeah

Guarda che se la mangia
Tengo na minchia accussi'
Guarda che se la mangia
Mentre se la sta a pappa'
Chiedimi che cosa fa
E' chiaro! se la sta a succhia'

Tengo na minchia tanta, tengo na minchia accussi'
Guarda che se la mangia
Guarda che se la mangia
E se la sta a pappa'

Darling, darling, darling
Look at your sister
Do something like that, thanks

Devi usare un pollo
Devi usarlo per misurar
Devi usare un pollo
Cosi' me la potrai succhiar

Ooh, you both suckin' stereo
Jesus

Tengo na minchia tanta, tengo na minchia accussi'
Tengo na minchia tanta, tengo na minchia tanta
Tengo na minchia tanta

Ti Tiro Scemo (Articolo 31)

Senti oggi sono a caccia di udenti, mi prendi,
al limite semmai poco poi mi rivendi,
ma prova a ciucciare queste ritmiche bollenti
lo sballo e' uguale che ficcare il dito nel 220 Volt diventi sconvolt
e ascolt-a guardami se non ti fa ribrezzo ti piaccio?, ti adoro
spaccio rime come primo lavoro e tengo incollato un microfono alla mano
Sul palco molleggiato mi muovo come Adriano COME CHI ? Adriano Celentano
e come dice lui ...stai lontano da me ah ah attento
gli istinti non tengo e se velocito' prendo, provando a seguirmi rischi un crampo
sei pronto ti tiro scemo, veloce come slaccio un reggiseno Cris-Cros
Come da piccolino sulla saltafoss, a fare gare ad impennare sono un boss
Beccati un po' di questo stile latino che fuma come un piatto di spaghetti pieno
Ti devi lasciare tirare scemo come il Kinder sono Bueno e ancora
scuoto la base ti faccio capire che posso volendo colpirti in pieno
Se sei convinto hai vinto come al totip il premio e' questa hip
quello che voglio è vederti ballare con la leadership e beccati questo hip hop
ho finito il su la zip stop, disattivo il microchip BIP aspettando il riff,
Articolo 31 e il microfono mi fumo e fino all'ultimo decibell... ti tiro scemo.
RIT.
Prima ringrazio e poi mi faccio spazio
dentro queste poche note nuove che mi danno il giusto andazzo
quindi grazie marci bocu abita via sono pronto per il club.
Prendo la chiave universale per entrare nel tempo
e' il passparto per andare su la su giu' quaggiu'
mani lunghe sull pless
in pieno bissness la giusta trama filo stesso fallo stesso non importa
cambio il nesso se m' e' concesso questa volta ma e' solo un caso ah ah
una singola eccezione mava' sara' gia' la musica che gira intorno
sarà quella che non ha futuro e allora vola mia melodia
sali e scendi giro attorno saremo noi Solo Zippo e Articolo 31.
a caccia di mosche sono armato di spray, velenoso il DDT finche' lo sai
sai la parola d'ordine per passare di qui scemo
ti tiro scemo e se rispondi scemo temo che sarai invitato a cena
se vuoi con noi poi trema BRRRRRR un brivido per la schiena ti frena
per primo c'e' spaghetti da bere solo birra, meglio se Moretti
tutto apposto quindi grazie mio solo per conoscer
nell' intimita' del mio confortevole pieno terra avro'
per sorpresa a te come mio prelibato dessert.
RIT.
Come Di Martin gingo gingo lin that's Amore
Per questa fila di note sciolte che mi sconvolge a palla
Questa qui e' la tribu' che sballa
sballa un po' sulla destra, sballa un po' pure sulla sinistra
basta che nelle vene non ti finisca niente
se vuoi lo sballo basto io... eppure io
quando il mio messaggio invio... unito al mio ti tiro scemo
All' improvviso come il mostro di Lokness... come Kevin Costner
se ti guardi 4 volte balla coi lupi ascoltando un LP di Dalla e poi di Drupi
caga questo mix e sta sicuro che non ti sciupi
l' unico danno che diamo e' che tanto sudi
Costiamo molto meno e non comportiamo rischi
spacciati sottobanco nei negozi di dischi
non e' veleno in un baleno t'abbiamo tirato scemo
RIT.

Noi, Ragazzi Di Oggi Noi (Luis Miguel)

Noi, ragazzi di oggi, noi
Con tutto il mondo davanti a noi
Viviamo nel sogno di poi
Noi, siamo diversi ma tutti uguali
Abbiam bisogno di un paio d'ali
E stimoli eccezionali.
Puoi farci piangere,
Ma non puoi farci cedere
Noi, siamo il fuoco sotto la cenere
Puoi non comprendere
Qualcuno ci può offendere
Noi, noi sappiamo in cosa credere
Devi venire con noi
Siamo i ragazzi di oggi noi
Dai coloriamo questa città
E poi vedrai che ti piacerà
Siamo noi
Siamo i ragazzi di oggi noi
I veri amici che tu non hai
E tutti insieme si può cantare
Ragazzi di oggi
Ragazzi di oggi, noi
Noi sappiamo in cosa credere
Ragazzi di oggi
Ragazzi di oggi noi
Siamo il fuoco sotto la cenere
Non farti prendere
Da questo eterno attendere
Noi, siamo quello che può succedere
Non fare spegnere
La voglia che hai di ridere
Noi, siamo quelli in cui tu puoi credere...
Devi venire con noi
Siamo i ragazzi di oggi noi
Dai coloriamo questa città
E poi vedrai che ti piacerà
Siamo noi
Siamo i ragazzi di oggi noi
I veri amici che tu non hai
E tutti insieme si può cantare
E poi vedrai che ti piacerà...

Come Uno Su Mille (Articolo 31)

Sono nato in un ospedale normale in una maniera comune nella vetrina ero uguale alla miniatura di un clone la fotocopia della copia di un milione frutto di un amore anonimo tra due anonime persone. Immagino il dottore che mi indica ai parenti e i commenti complimenti tanto amorevoli quanto ipocriti perché ero uno come tanti cioè nessuno in particolare a forza preso e messo a giocare a una partita a questo gioco virtuale che ha nome vita dove sei originale o cover e non c'hai un altro gettone quando appare game over, è finita devi esser 1 o uno qualsiasi degli altri 999 ti mandano sul palco senza fare prove. A scuola c'era il bullo il bello il leader il primo della classe il somaro il dramma delle prime sfide il vincitore prendeva tutto come la sua carta e io mi accontentavo di starmene da parte in forse a vedere se c'avevo qualche qualità che capivo già che uno su mille ce la fa ma come è dura la salita in gioco c'è la vita vita vita uno su mille ce la fa uno su mille...
C'è chi preferisce barare o bleffare in salita attaccarsi al primo e farsi trascinare come il treno alla locomotiva chi non affronta chi si arrende al secondo problema che incontra chi pretende di mangiare solo se la pappa è pronta ma io ho visto mio padre invecchiare in uno straordinario mia madre piangere davanti ad un resoconto bancario e questo è il vocabolario che fu il mio sussidiario prima parola salario voce sbarcare il lunario quando era un lusso fare il razionario avevo il patema dell'impiegato che deve timbrare in orario nessuno mi ascoltava se parlavo quindi ho iniziato a stare zitto quello che pensavo lo mettevo scritto pensieri frustrazioni speranze illusioni ho ancora pieni i diari di risentimenti e sentimenti vari biografia di un destino poco chiaro di gratifiche avaro di un quotidiano costa caro contrapposto al denaro paninaro relegato per anni al ruolo panchinaro un giorno sentii lo sparo partii di corsa trasudando tipo lupo mannaro non so se per vendetta o per riscatto ma il fatto è che qua sotto spacco o vengo rotto e dalle stalle alle stelle la prima cosa che scrissi e come uno su mille mantenne quello che dissi.
Uno su mille ce la fa ma come è dura la salita in gioco c'è la vita vita vita uno su mille ce la fa uno su mille... Guardo dalla finestra com'è cambiata la visuale le luci di Milano hanno sostituito il campanile una compilation di clacson forma la suond brack con le sirene sostituendo le grida dei bambini e le campane i pomeriggi sono le mie mattine scaldo un po' di pane surgelato butto giù col nutellame incorporato la testa tiene bene oggi zero postumi presupposti ottimi per gli attimi futuri prossimi so da dove vengo le storie a cui appartengo che sto dicendo come lo sto facendo dove sto andando chi rappresento e una cifra di gente ora mi sta ascoltando, io sono nessuno ma la storia mia può essere d'esempio la mia storia dice di buttare giù la porta se la trovi chiusa che dire non è giusto a volte è una scusa e non c'entra chi ti dice cosa è una questione di quanto hai palle di quanto larghe c'hai le spalle guarda dentro di te forse ti scoprirai uno su mille.
Uno su mille ce la fa ma come è dura la salita in gioco c'è la vita vita vita uno su mille ce la fa uno su mille...

Ti Sto Parlando (Articolo 31)

Prova questa volta ad ascoltare, ti do un battito giusto per poterlo poterlo
fare, ti do mille ragioni per sforzarti di capire, ma se ti tiri indietro, dimmi,
cosa ti dovrei dire? Guarda, senti, lascia stare, resta pure lì seduto se quello
che dico ti fa tornare su quello che hai bevuto, se quello che passa di qua
dice :"ma che suono osceno!", di certo non mi freno tantomeno tremo tremo,
ma sereno continuo, spingo la voce all'estremo, scuoto la base per farti
capire che posso, volendo, colpirti in pieno, perciò attento al mio intervento
lascia cadere i tuoi monu-mentali e prepara la testa all'apprendimento fino a
che balli rimuovi tutti i tuoi preconcetti, ascolta la voce veloce di questo
mangia spaghetti, ti sto parlando si, attento, ti sto parlando e mentre tu stai
ascoltando già qualcuno si sta preparando a criticare tutto tutto tutto tutto
quello che dico e che faccio, stupidi stupidi piccoli piccoli succhiatori di
ca...ramelle. Di chi é che ha detto che per essere considerato debba essere
socialmente impegnato, politicizzato, la voce deve essere libera, a patto che
sia comunicativa, mossa con abilità da una mente positiva, ciò vuol dire
sapere ascoltare con elasticità, anche se quello che parla presenta, si, molte
diversità. Per te che ascolti, e ancora ancora ti chiedi dov'é la direzione
giusta verso la quale muovere i tuoi piedi, sei anche tu come quelli che
tengono solo al loro piccolo mondo e si tappano gli occhi ignorando tutto
quello che gli sta attorno, se non hai intenzione di metterti in coda al
botteghino di chi ruba ideali e poi li vende come una moda, ti dico, per una
volta, più di tanto non può costare, prova questa volta ad ascoltare.

Prova questa volta ad ascoltare, ti sto parlando, ascolta, ti sto parlando!!
Prova questa volta ad ascoltare, ti sto parlando, ascolta, ti sto parlando!!
Prova questa volta ad ascoltare, ti sto parlando, ascolta, ti sto parlando!!
Prova questa volta ad ascoltare, ti sto parlando, ascolta, ti sto parlando!!

Botta, botta risposta adesso mi metto in gioco, e lo so che siamo noi la
posta in palio, supero supero ancora la velocità che mi é consentita, do
ancora una botta alla gabbia che intorno mi é stata costruita da questa città,
ogni giorno più stretta, che ti blocca ti blocca il cervello ma che ti fa
camminare in fretta, rifiuto di essere anch'io una di quelle tante facce
stanche che hanno chiuso il cuore nella loro 24 ore, sorrido vedendo ciò che
si stanno perdendo, anche dove non mi é concesso il mio spazio mi prendo
in questa scatola di cemento che si sta stringendo, vivendo. a mio modo
vivendo, stringendo. Il mio sentimento, quella scossa vitale che dirige ogni
mio movimento tento di darla anche a te in modo veloce, o lento, ma dimmi
di che dico dai che ti sta provocando l'impulso di muoverti adesso (...OH...!)
é giusto questo? (...SI!...) capisci svelto? (...MI!...) Una parola ti basta per
essere meno chiuso in te stesso? (...BHO!...) Butta, butta alle spalle tutto
quello che ti fa male, scavati, scavati dentro trova la tu anima tribale, lo so, lo
puoi, lo devi fare perché quello che fa muovere me può far muovere anche
te, e se siamo ancora distanti la distanza si può accorciare, se provi questa
volta ad ascoltare.

Prova questa volta ad ascoltare, ti sto parlando, ascolta, ti sto parlando!!
Prova questa volta ad ascoltare, ti sto parlando, ascolta, ti sto parlando!!
Prova questa volta ad ascoltare, ti sto parlando, ascolta, ti sto parlando!!
Prova questa volta ad ascoltare, ti sto parlando, ascolta, ti sto parlando!!

A patto che il battito batta la mia voce sempre é presente, lascio decidere a
te se sia noiosa o divertente più o meno di musica vuota che non ti impegni
la testa, non prendersi in giro cercando, cercando la giusta festa, io questi
problemi non ho, anche se la festa non c'é, il trucco é che porto la festa, la
festa dentro di me, dritto per la mia strada, di quello che faccio sono sicuro,
lo dico in un microfono, qualcuno lo scrive su un muro, non basta sapere di
essere al mondo per essere vivi ci vuole l'impegno per vivere prova
l'ingegno per lasciare un segno di te, un segno che dica che esisti, un segno
che sia profondo, abbracciato con forza e con rabbia in questo casino di
mondo, ma ogni giorno vedo gente che al suo sogno ha rinunciato, io spero
che il mio sogno non vada, non vada sprecato, e posso continuare a sperare
se provate questa volta ad ascoltare

Senza Una Donna (Zucchero)

I change the world
I change the world
I change the world
I wanna change the world
Non è così
che passo i giorni baby
Come stai?
Sei stata lì
E adesso torni lady
hey, con chi stai?
Io sto qui e guardo il mare
sto con me, mi faccio anche da mangiare

si è così, ridi pure ma
non ho più paure di restare...

Senza una donna
come siamo lontani.
Senza una donna
sto bene anche domani.
Senza una donna
che m'ha fatto morir.
Senza una donna
hah... hah...
È meglio così.

Non è così
che puoi comprarmi baby
tu lo sai...
è un po' più giù
che devi andare lady (al cuore?)
yes, se ce l'hai.

Io ce l'ho vuoi da bere
guardami, sono un fiore.

Béh non proprio così
ridi pure ma
non ho più paure
di restare...

Senza una donna
come siamo lontani.
Senza una donna
sto bene anche domani.
Senza una donna
che m'ha fatto morir

Io sto qui e guardo il mare
ma perché continuo a parlare

non lo so ridi pure ma
non ho più paure (forse)
di restare...

Senza una donna
come siamo lontani.
Senza una donna
sto bene anche domani.
Senza una donna
che m'ha fatto morir.
Senza una donna
vieni qui, come on here!


Video


This video is a humble offering at the feet of our mother Saraswathi. Saraswathi is the goddess of arts, music, knowledge, and wisdom. Saraswathi is consider...




Mp3, Musica, Descarga, Letras, Canciones, Conciertos, Boletos, Live, Video, DVD, Gratis, Discografia, Mpeg, Compra, Grupo, Artista, Album, Coleccion, Archivo, Eventos, Busca, CD